Di Battista come Di Maio, più di Di Maio. In vacanza nel Sud America, il combattivo esponente grillino, non perde occasione per commentare il fatto del giorno: l'assoluzione di Virginia Raggi. Lo fa con toni durissimi, volgari e sguaiati, prendendo di mira i giornalisti.


"Virginia è stata assolta", è l'esordio del post. Di Battista indirizza la rabbia dei suoi: "Non ve la prendete con i pubblici ministeri, hanno solo fatto il loro lavoro. Si sono sbagliati, tutto qui, ma non sono mica colpevoli. Come non è colpevole il Movimento che ha fatto benissimo a difendere Virginia. E chiaramente non è colpevole Virginia la quale ha affrontato questo processo a testa alta e oggi è stata assolta. Ma i colpevoli ci sono e non vanno temuti, vanno indicati affinché l'opinione pubblica venga messa in guardia. I colpevoli sono coloroRaggi assolta, Di Battista contro i giornalisti: "Pennivendoli uniche puttane" che l'hanno insultata, calunniata. I colpevoli sono quei pennivendoli che da più di due anni le hanno lanciato addosso tonnellate di fango con una violenza inaudita. Sono pennivendoli, soltanto pennivendoli, i giornalisti sono altra cosa".“Raggi assolta, Di Battista contro i giornalisti: "Pennivendoli uniche puttane".
Quindi il pasionario grillina parla del trattamento a suo dire riservato alla Raggi: "L'hanno trattata come una mafiosa, anzi peggio, perché i mafiosi, quelli veri, quelli che per anni hanno intrattenuto rapporti e frequentazioni con alcuni dei loro editori, non li hanno mai trattati così. L'hanno descritta come una ladra, l'hanno accusata di corruzione non si sa poi davvero perché. E soprattutto hanno provato a colpirla come donna trattandola persino come una ragazza dissoluta, come una cortigiana moderna, come una sgualdrina. Le hanno appioppato una relazione sessuale dopo l'altra provando a colpirla nei suoi affetti, nella sua famiglia. Nei suoi confronti hanno avuto, proprio loro che fanno i political correct e che sono i primi a scandalizzarsi per i molestatori delle star di Hollywood, vomitevoli atteggiamenti maschilisti. E le false femministe nostrane, quelle a targhe alterne per intenderci, quelle che senza nemmeno rendersene conto sono le migliori amiche del più becero maschilismo, non hanno aperto bocca. Perché infangare un grillino per costoro in fondo non è mai reato!"


La chiusura è uno slogan: "Oggi la verità giudiziaria ha dimostrato solo una cosa: che le uniche puttane qui sono proprio loro, questi pennivendoli che non si prostituiscono neppure per necessità, ma solo per viltà. Coraggio Virginia, hai ancora parecchio tempo per proseguire il tuo lavoro e sono convinto che lascerai questa città meglio di come l'hai trovata. Ti voglio bene!"

 

 

Fonte Redazione RomaToday

TORNA SU

SEGUICI SU:

Copyright © Bonito Casa 2019 - Tutti i diritti riservati - P.IVA 06285221005 - REA MEDIATORI CCIAA di Roma n.1280477 - MANDATARIO A TITOLO ONEROSO